Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2008

Trovare un senso

cercando parole che descrivano questo silenzio

e una musica che faccia danzare il mio cuore

al ritmo dei battiti che mi allegrano adesso,

vorrei volare leggera nell’aria intrecciata a te

delicato il nostro sentimento come ali da non toccare

ma forte da farci volare in alto lontano da ciò che è finito,

lontano da chi mi illude di volermi bene.

Basta un soffio di vento e sono da te

ma tu lasciami libera,

lasciami vivere la mia vita senza chiedermi di cambiare,

accettando tutta l’incertezza che costante mi avvolge,

sfiorami con le tue parole d’amore

fammi sentire accolta anche se lontana

e sarò lì ad aspettarti

come i bambini che aspettano la fine della scuola,

come l’erba soffocata dalla mancanza della pioggia,

come bianchi fiori che accolgono due amanti

sui loro delicati petali d’amore

Annunci

Read Full Post »

Osservo le opportunità viaggiare dinanzi a me

come velieri di passaggio che danzano sfiorando le onde del mare,

lenta la loro danza quasi meditativa

per gli osservatori con animo sensibile.

Rifletto su quel che è stato e non tornerà

sento avanzare la nostalgia per una giovinezza non pienamente vissuta,

ricordi oltrepassano l’orizzonte balzando d’improvviso davanti a me

come gabbiani felici volano dal passato al presente.

Ricordo il tuo sorriso e i tuoi occhi troppo belli per diventare miei,

i tuoi acronimi per dirmi che mi volevi bene,

il tuo essere così perfetto e sconosciuto…

passò un onda e ti portò via da me

e mi ritrovo qui malinconicamente

a ripensarti come un ragazzo attraente

troppo preso dai suoi obbiettivi per pensare a quell’anima che avevi catturato,

rimane un profumo marino del tuo passaggio,

navigatore solitario tra le onde dei miei ricordi.

Read Full Post »

Prendi le tue note ed allontanati velocemente da me, non voltarti, lasciami sola a contare i rami secchi che hai spezzato calpestando il mio cuore nei giorni in cui mi hai sepolto nelle lontane stanze vuote e incustudite della tua fredda anima. Sono stanca di camminare davanti a te, di voltarmi e ogni volta di non trovarti. Dove sei? Seguo le tue impronte ma non sei davanti a me.

Sopra le nuvole sento che ci sei tu, questo tronco sei tu, questo cielo blu i tuoi occhi sfuggenti non coinvolti dai miei temporali. Lasciami vivere a modo mio, con le mie emozioni ma tu non turbarmi, vola via in alto, apri le tue ali grandi e spicca un volo deciso lontano da me, rimarranno i ricordi, lasciami sola con il tempo sereno e con le tempeste, non coinvolgermi più. Sei ovunque qui nei sassi silenziosi del sentiero, nei buchi dei picchi che si accomodano tra gli alberi morti, nell’aria profumata che mi avvolge caldamente, negli alberi scuri che incomprensibilmente mi dominano, dimori in questo tacito silenzio, sei alla fine ovunque.

Non voglio ascoltare più la tua voce e perdermi avvolta nei tuoi pensieri turbolenti, non mi vuoi e non portarmi appresso, lasciami lontano dalla tua vita, fuggi via da me

Read Full Post »

Infiniti spazi,

molteplici mondi,

immense distese di terra,

incredibili possibilità di scelta

di fronte al nostro essere imperfetto.

Possiamo perderci

al non meglio definito mondo di parole,

così complesso ai nostri occhi,

così incredibilmente semplice e funesto.

Le parole escono come frecce lanciate senza esitazione

perforatrici di animi innocenti,

e costruiscono barriere,

prigioni dalle quali poi risulta difficile liberarsi,

ingabbiati dai giudizi che altri,

considerati grandi,

si sentono legittimati a donare.

Rapidi Frecce mortificanti come proiettili

sono le categorie di giudizio

che utilizziamo per accusare gli altri

per la colpa illegittima

di essere diversi e lontani dalle nostre aspettative

e precludiamo istantaneamente

infiniti Sè che ognuno custodisce e potrebbe essere…

Read Full Post »

Dolce sentirti qui

seduto vicino a me,

la tua mancanza diventa immediata presenza

al mio cuore solitario,

lasciami separare le scene più belle

dei giorni trascorsi assieme

e riavvolgerle come perle di una collana

attorno ai stretti ricordi dentro me,

aspetto la tua voce che mi infonde tranquillità

un tuo cenno di sorriso per sentirmi viva,

un desiderio di me

per sentirmi la tua metà.

Un tulipano che sorride, il nostro amore

accoglie i raggi del sole

con un abbraccio di petali delicati

che magicamente si fondono

in forma e colore

diventando quel capolavoro di relazione

che di sei anni di petali assieme

regala emozioni per la sua straordinaria unicità!

Read Full Post »

gocceCom’è buio amore, hai ragione,

non è nebbia, è foschia

quella che nasconde le montagne laggiù

e offusca la nostra vista,

lo ripeti come se volessi stupirmi,

la pioggia ti sorprende con le sue lenti gocce

che bussano alla finestra invitandoci ad accoglierle

come dono di primavera,

è buio amore mio

ma non avere paura

continua a scrivere, non fermarti…

intanto pensi ai fulmini, al temporale

e i tuoi occhi diventano grandi e si impauriscono

mentre accenni un sorriso vibrante

sul tuo quaderno diventa una linea marcata a zig zag

che taglia a metà due fogli

riempiendo il tuo cuore di stupore,

è solo piogerellina, non aver paura,

piove e sono vicino a te

dai, continua a scrivere!

Read Full Post »

Trovo la musica in sintonia con le mie emozioni

al ritmo del mio cuore,

amplifica le sensazioni che provo in questo momento

la ascolto ed entra senza resistenze dentro la mia anima,

questa musica evocativa accompagna il viaggio verso te

e mi lascio attraversare da essa come una montagna

che accoglie il suo ruscello.

Un incontro fugace di sguardi tra chi attende l’arrivo,

troppo imbarazzante e invadente guardare le persone negli occhi,

meglio osservare fuori dal finestrino,

persi a scrutare chissà quale desiderio

osserviamo le immagini dell’ambiente

che cambia apparentemente interessati, come se vedessimo un film:

l’alternarsi di alberi lascia intravedere in lontananza le montagne blu

che ora si nascondono dietro le case

e corro verso te superando la distanza che ci divide.

Un dolce pianoforte accompagna il mio viaggio

rendendomi improvvisamente vicina al tuo cuore.

Chiudo gli occhi e sono subito da te,

lascio l’immediatezza del presente

per entrare in una dimensione senza tempo,

mi perdo in essa alternando differenti stati di coscienza

mi lascio cullare dai ricordi di Selva,

diapositive di avventurose esperienze con te…

ti porterò sempre dentro me

e te lo dimostrerò con le mie azioni quotidiane

Read Full Post »

Older Posts »