Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2010

Eccomi di ritorno dal passato, di nuovo presente dinanzi al tuo viso sorridente che intravede le colline di un verde spumeggiante e il sole si lascia fotografare da noi, instancabili cercatori di attimi da catturare. Attimi d’amore, attimi di te, attimi di speranze che si concretizzano quando ti prendo per mano e ti accompagno nel tuo mondo per conoscerti, mentre ti guardo e sparisco dentro i tuoi occhi. Era solo un abbaglio, o forse una carezza già finita, era solo bisogno di altro da te o di un giocattolo di compagnia. Rimango ancora sola a coccolarmi di poesia, ma domani e ancora domani sarò davvero con te, con chi mi ama davvero e con chi davvero ha bisogno di me. Ho bisogno del tuo dolce abbraccio che rinfresca di primavera la nostra amicizia, ho bisogno di parlare di me e di vedere la tua felicità mentre sorridi e guardi la notte stellata al mio fianco. E non ci sarà nessun altro a sentire la notte fredda accanto a noi, ci saranno i fuochi accesi di musica che ondeggiano al ritmo del vento, ci saranno i nostri cuori accesi di mistero per essere da soli, incompresi, ma strettamente vicini. Le nostre anime intrecciate di musica, perse in quella notte alla ricerca di mistero, si troveranno a piangere per quell’attimo di pace infinita che sarà già diventato un ricordo…

Annunci

Read Full Post »

Divertente… credere di ballare su un dolce prato verde ed accorgersi di sgattaiolare dal cornicione, mentre il cuore impazzito fa tremare il grattacielo

divertente…abbassare lo sguardo e sentire un caldo liquido che avvolge tutto il corpo, dopo che il cuore, come un pomodoro viene lentamente tagliato a fettine sottili

divertente…continuare a guardare il cielo, nonostante sia sempre notte, aspettando che venga giorno e sapendo che non verrà mai

entusiasmante… capire all’istante di come certi eventi si ripetono senza senso, come se non fosse bastato quel che è stato

e l’ennesima primavera sboccia tra un fiore che nasce ed uno che muore, altalenando il bisogno di distanza e il desiderio di vicinanza, tra la vita e il desiderio, tra la morte del mistero

divertente tutto ciò, se solo riuscissi ad osservare tutto con distacco, come un consumatore di film al cinema, entrerei ed uscirei da quel sentire, da quella visione, da quella realtà virtuale

e va bene

fammi cadere! tagliami pure! oscura il mio cielo! fai cadere tutte le stelle! fammi rivivere le stesse paure! calpesta il mio giardino fiorito! avvicinati e poi allontanarti! diventa protagonista del mio film!

fallo pure! questa volta però non sarò da sola, c’è una rete così solida che mi farà giocare mentre rimbalzerò scivolando dal cornicione, una rete spessissima che raccoglierà tutto quel liquido rosso e riempirà quel vuoto che avrai lasciato, che terrà strette le stelle inventandone di altre, che manterrà il terreno solido mentre i fiori si rialzeranno, divertiti anche loro della danza del tuo passaggio, poi però la rete potrà anche catturarti se ce ne sarà bisogno, e tu, semplicemente, scomparirai dalla scena!

Read Full Post »

Ti vorrei sollevare, dolce presenza, vorrei che tu fossi felice, adesso che ti fidi della mia amicizia, adesso che siamo diventate vento che soffia via le preoccupazioni di questa vita.

Fidati di me, ho aspettato che la tua paura si sciogliesse lentamente come neve al sole, ti ho visto cambiare, i tuoi occhi ora sono desiderosi di incontrare altre anime e la mia anima aspetta ancora di prendere il volo con te…

e non sono tutti pronti a sparare la tua anima, fidati di noi, della nostra capacità di amare

ti vorrei sollevare quando sola ti senti inseguita, vorrei portarti lontano da quella strada buia in discesa, vorrei fare sparire la tua paura quando incontri quella strana sensazione di estraneità in un luogo conosciuto

viaggerei con te ovunque insieme ai tuoi sogni, alla tua grinta, alla tua gioia, ai tuoi occhi luminosi

ti vorrei sollevare dal dolore che provi ogni giorno nel vedere la violenza che diventa oscurità e tristezza

ti ho aiutato a fa sparire quelle nuvole incazzose, vero? lascia che ti sollevi di nuovo con la mia presenza rassicurante

e voleremo noi due e i tuoi occhi diventeranno i miei occhi, le tue mani le mie mani e andremo al mare che tu ami e parlando assieme non ti accorgerai neanche che stai volando sopra le tue preoccupazioni

sono qui dolce presenza, pronta a sollevarti ogni volta che vorrai

e se il vento ti farà spostare, tu lascialo fare, pensa che stai ballando al ritmo della musica, ed io sarò vicino al tuo cuore e starò ballando al ritmo dei tuoi battiti

Read Full Post »

é tutto così familiare e strano nello stesso tempo, stessa energia, stesso entusiasmo per quegli occhi ricchi di poesia, stesse emozioni ricamate di illusioni,

gira tutto intorno a me, sono io che vado al galoppo della mia tigre, io alle prese con me stessa, tu alle prese con le tue paure

le rose bianche, le mie preferite, diventano rosse quando ti vedono e la mia timidezza appassisce, cedendo il posto alla speranza di rivedere sorridere quel gatto che magicamente non mi fa perdere la testa per te

fa freddo qui, è tutto grigio,

ma sono tornata, per aprire gli occhi a questa gente che finge di non essersi creata quel rigonfiamento di difetti, giusto per sembrare simile agli altri, per fingere di non andare bene così…

ma questo è il mio mondo e faccio come voglio io e lo cambio io il destino, pur sapendo di dover affrontare comunque il drago cattivo

sono tornata per caderci di nuovo, cadere, divenire grande grazie alle tue parole che alimentano la mia fantasia…

lunghi capelli biondi che cioccano al vento, un sorriso così grande da far apparire quelle rose i miei orecchini

ma come divento piccola quando sorseggio la paura di perderti, di essere sola ad affrontare quella foresta, attraversare quel fiume, scavalcherò i visi morenti e andrò avanti sempre alla ricerca di diventare Alice migliore, quella che tutti aspettavano

e sono qui per te, per voi, per chi saprà riconoscere nei miei occhi il desiderio di essere di nuovo me stessa e di essere amata per quella che sono, senza pozioni magiche,

non piango e non rido, ma sorrido perchè la paladina sono io,

pronta per liberare chi si lascia cavalcare dai propri draghi oscuri

Read Full Post »

Zombie

Scusa, non mi ero accorto che stavo camminando sopra di te, davvero, credimi, stavo così bene qui che non pensavo ci rimanessi male…

Scusa io se non sorrido mentre ti guardo sprofondare nella mia carne, davvero, mi passerà…

perchè siamo ancora qui a parlarne, avevamo deciso che avevo ragione io, ti ricordi?

Stupida speranda di cambiarti, illusione divenuta incomprensione

speri ancora di prendermi? di catturare il mio cuore? lo sai che correrò sempre più veloce di te e stiamo ancora qua a parlarne, a scriverci canzoni.

E tu? al margine degli incontri socialmente affidabili,

al limite della tristezza

speri ancora che serva soffrirci tanto? credi che non abbia mai visto quegli occhi persi di fronte al dolore? credi di essere l’unica ad essere rimasta sola?

smarrita dici di essere,

svegliati! apri gli occhi, nessun principe azzurro verrà a baciarti, devi svegliarti da sola, aprire bene le orecchie, ma soprattutto cambiare modo di pensare

scegli tu di soffrire, scegli tu di credere che sia necessario farne una malattia,

svegliati!

svegliati prima di far passare anni a raccontare a te stessa che devi stare male

e tu? svegliati! credi di bastare a te stesso, ma ti sei visto! Cammini come uno zombie, imprigionato dai tuoi pregiudizi sugli altri, non incontri sguardi, nè idee diverse…ma cosa pensi di ottenere?

e tu? lascia stare, non prendermi le mani, raccogli le parole cadute a terra, non preoccuparti per me, ti avevo già messo in soffitta

e tu? perchè mi guardi così? so benissimo come sei fatta, ti ho visto per come sei e tu hai capito chi sono io…allontanati se non vuoi parlare con la mia anima, non ho paura di quegli occhi giudicanti

e tu? ti ho portato ovunque, nei miei vestiti quando tornavo nel posto del dolore, ti portavo nella mia voce mentre vibrava di te, ti ho sentito nei miei baci mentre l’immagine di te non c’era più, ti ho portato sempre con te…dicono che sei finito male…capisco, anche tu tramutato in zombie dopo che le tue bugie hanno trasformato il tuo mondo di carta in cenere…

Read Full Post »