Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘unicità’ Category

Mosaico di sé

Questi riflettori fanno troppa luce, non riesco a vedere chi c’è tra il pubblico, guardo dietro le quinte gli amici che mi incoraggiano e do avvio alla mia rappresentazione teatrale. Mi sento importante, sono al centro della scena e tutti ascoltano le mie parole e osservano i miei gesti. Poi mi ritrovo improvvisamente nel pubblico, cambia la luce, il riflettore punta sempre verso quella parte di me impegnata a dare vita a quella scena. Mi vedo criticamente da fuori e osservo attentamente le mie espressioni facciali, la mia postura e memorizzo ogni movimento e parola per poter fornire suggerimenti a me stessa per la prossima interazione teatrale. Decido di terminare la conversazione, sento gli applausi di un pubblico immaginario, sorrido come le regole drammaturgiche suggeriscono e mi dileguo dal palco con un semplice saluto: “Ciao!” e anche per oggi ho fatto la mia parte…

Siamo esseri costantemente in divenire, nuvole incolori che vagabondano di città in città, di collina in collina per sperimentarci nuovamente diversi. Non abbiamo più lo stesso identico sé di un anno fa, ma un altro se stesso. Nella nostra vita vi è un susseguirsi di sé, quasi un succedersi di persone diverse, è incredibile! Per questo motivo cambiamo gusti e amicizie, d’altronde cambiamo le cellule del nostro corpo di continuo. Eppure ci sentiamo sempre noi stessi, diversi, ma noi stessi. La percezione di costanza e coerenza è un’operazione che la mente attua retrospettivamente, cercando un senso a tutte le azioni passate, attribuendole ad un singolo individuo che in realtà cambia continuamente.

Non solo, ma abbiamo contemporaneamente una molteplicità di sé a nostra disposizione per adattarci meglio ai diversi contesti interattivi.

Secondo il relativismo estremo noi siamo costituiti da molteplici sé e diventa quindi impossibile stabilire chi siamo con certezza. Secondo il costruzionismo, invece, l’individuo è costituito da una pluralità di sé, che non possono essere inscenati tutti nello stesso momento. In un determinato contesto, nel quale prevalgono delle specifiche norme di condotta, circondato da quelle persone, l’individuo decide di rappresentare quella parte di sé più adatta alla situazione. Ad esempio l’individuo che si reca al supermercato, può far prevalere un Sé un pò serio e solitario: non saluta le persone che incontra, assume un’espressione seria e pensa solo di fare la spesa velocemente. Ad un concerto lo stesso individuo salta e canta e non mi sente a disagio perchè quello è il comportamento appropriato alla situazione, perciò emerge il Sé più allegro e divertente.

Il senso comune e la psicologia dei tratti considera gli individui come aventi delle caratteristiche di “personalità” relativamente costanti, capaci di spiegare la costanza nel tempo e nel modo di agire e reagire alle diverse situazioni. Questo è il senso comune, derivante dalle conoscenze che condividiamo con altri, in quanto appartenenti alla stessa società e cultura. Condividiamo la convinzione che le rappresentazioni di sé che scegliamo di mettere in azione, siano sempre autentiche e vadano prese sul serio dagli altri. Ci vuole un po’ di coraggio per pensarla in modo diverso!

Nella nostra cultura inoltre si distinguono le presentazioni di sé vere (sono me stessa) da quelle false (sto recitando, non sono me stessa). La persona può essere onesta o no, e quindi inscenare una rappresentazione in buona fede o in mala fede, come afferma Goffman ma è pur sempre una rappresentazione di sè e come tale una finzione, siamo come attori in un palcoscenico. Eppure gli attori sono così immersi nella loro recitazione e gli spettatori sono così convinti della recita, che entrambi scambiano la rappresentazione in un dato di fatto.

Molte persone, quando si sentono dire di non essere se stessi, o di aver recitato, possono sentirsi offesi perché ritengono di essere sempre, in ogni occasione, autenticamente se stessi. In realtà il sé che viene rappresentato è solo uno dei tanti sé, scelto tra il guardaroba di sé possibili segretamente custoditi. Poi la gente si stupisce e non si spiega come mai un ragazzo si rivela una persona gentile e altruista con i suoi amici, mentre egoista ed arrogante in famiglia. Quel ragazzo funziona in modo perfettamente adattativo poiché riesce a fare emergere, a seconda del contesto nel quale si trova, il sé che ritiene più opportuno o funzionale alla situazione.

Siamo costituiti da un mosaico di sé variopinto e non sempre conosciuto. Il fenomeno delle personalità multiple, alla fine, come sottolinea Salvini, ricalca un processo insito in ognuno di noi: il nostro essere frammentari e complessi. A volte capita di non sentirsi tutto d’un pezzo, proprio per la mancanza di integrazione tra le parti di sé, talora in aperto contrasto. Ma c’è una parte di noi costantemente impegnata a dare coerenza tra le nostre parti, cambiando i costrutti e quindi i pensieri, oppure cambiando le azioni che contraddicono il costrutto posseduto.

Goffman, con il suo approccio drammaturgico, considera la vita e il sociale come rappresentazioni teatrali. Secondo il sociologo, l’individuo in pochi secondi è in grado di alternare diversi sé. Il sé è un prodotto sociale, un effetto drammaturgico che si manifesta nel momento in cui una scena viene rappresentata. Il sé, come prodotto dei rituali dell’interazione è estremamente precario, subordinato alle parti che deve rappresentare. La parola persona, etimologicamente significa proprio maschera, indossiamo sempre delle maschere in quanto persone. Veniamo al mondo come individui, acquisiamo dei ruoli in base ai contesti, sappiamo quali parti recitare e diventiamo persone e quindi attori. L’attore mette in scena una rappresentazione di sé, cioè interpreta una parte che si traduce in un’azione. La rappresentazione comporta una facciata, l’equipaggiamento espressivo che l’individuo adotta intenzionalmente. La rappresentazione evoca un personaggio con un pubblico e un palcoscenico. L’attore controlla le impressioni della realtà che evoca negli altri e proietta una definizione della situazione.

Nel silenzio del proprio sistema simbolico e interpretativo, ognuno crea il proprio mondo fatto di ruoli pronti da impersonare: sappiamo come comportarci al lavoro, con gli amici, in chiesa, a passeggio, in negozio, in discoteca. Lo diamo per scontato, ma in realtà c’è un duro lavoro dietro le quinte per scrivere le parti più idonee ai contesti!

La malattia mentale si presenta quando il sé non vuole adeguarsi alle regole comuni e non sa recitare la sua parte sociale.

Secondo Goffman l’interazione sociale consiste nel dialogo fra due EQUIPES: l’equipes di attori che collaborano ad una rappresentazione e forniscono una definizione della situazione; l’equipes che costituisce il pubblico che attribuisce un particolare Sé ai personaggi della recita, servendosi degli elementi espressivi, ritualistici e cerimoniali emersi.

La società fornisce molti pubblici diversi nei quali ognuno trova un proprio ruolo e un diverso Sé.

Annunci

Read Full Post »

Passionale come un rosso tramonto

quando ti accarezzo e con le mani sprofondo,

con le mie parole riscaldo il tuo cuore e ti sento solamente mio;

arancione è il colore che vedo nella tua dolce dimora, nei tuoi occhi quando sei sereno e non pensi al domani insicuro;

una allegria luminosa sento dentro quando gioco come una bambina, sotto un sole caldamente giallo che fa danzare i suoi raggi, suonando i tasti della felicità;

la serenità del mio sguardo che si perde tra l’immensità delle colline toscane verdi pastello, da fotografare per non dimenticare quei momenti tristi e sereni, tra la solitudine e la pace di poter dedicare un po’ di tempo a me stessa;

fiduciosa immagino di realizzare i miei sogni con te e li dipingo nelle nuvole azzurre che danzano sopra di me, a ritmo del forte vento, tra il cielo bianco che non sa che colore prenderà;

il vestito indaco mi fa sentire una principessa,

la bellezza dell’abito diventa una camminata fiera e pronta a ricever gli sguardi della gente;

viola è l’espressione della profondità delle mie emozioni,

il mio animo limpido e sfuggente da una società etichettante e semplicistica,

delicato ed elegante come un prato di lavanda,

accarezzato dalla dolce brezza del vento timido primaverile:

sono tutto questo in ogni momento dentro di me,

sono un arcobaleno di sé

dentro me

e allora chi sono se non l’incredibile armonia di colori che sfumano l’uno accanto all’altro ed emergono per adattarsi, a seconda dei contesti?

E allora non dire che non sei te stesso, non puoi non essere che te stesso

sempre,

in ogni momento.

Una parte di te lo trova il significato per quell’azione,

una parte di te voleva farlo,

ascoltati e non dire che non sei te stesso,

è come dire che vorresti vedere un arcobaleno tutto nero,

non potrai mai vederlo, non esiste.

Siamo tutti incredibilmente variopinti e imprevedibili

complicati e complessi, mai monocromatici.

Tu sei tutto quello, in ogni momento,

decidi di non parlare, di non turbare, offendere, non pronunciare i tuoi pensieri

e anche in quel momento sei te stesso:

prevale il tuo sé più tranquillo, pacifico che non vuole litigare.

Anche quando non parli, sei te stesso

sei sempre tu,

con i tuoi meravigliosi sé da conoscere e colorare.

È vero, con te mi sento più me stessa perché non ho paura

di farti conoscere la me arrabbiata, felice, offesa, triste, abbandonata, sola, sognante, poetica, non ho paura ed è questo che ti distingue dagli altri:

sei capace di rendermi magicamente arcobaleno

con la luce della tua splendida persona!

Read Full Post »

Infiniti spazi,

molteplici mondi,

immense distese di terra,

incredibili possibilità di scelta

di fronte al nostro essere imperfetto.

Possiamo perderci

al non meglio definito mondo di parole,

così complesso ai nostri occhi,

così incredibilmente semplice e funesto.

Le parole escono come frecce lanciate senza esitazione

perforatrici di animi innocenti,

e costruiscono barriere,

prigioni dalle quali poi risulta difficile liberarsi,

ingabbiati dai giudizi che altri,

considerati grandi,

si sentono legittimati a donare.

Rapidi Frecce mortificanti come proiettili

sono le categorie di giudizio

che utilizziamo per accusare gli altri

per la colpa illegittima

di essere diversi e lontani dalle nostre aspettative

e precludiamo istantaneamente

infiniti Sè che ognuno custodisce e potrebbe essere…

Read Full Post »

Dolce sentirti qui

seduto vicino a me,

la tua mancanza diventa immediata presenza

al mio cuore solitario,

lasciami separare le scene più belle

dei giorni trascorsi assieme

e riavvolgerle come perle di una collana

attorno ai stretti ricordi dentro me,

aspetto la tua voce che mi infonde tranquillità

un tuo cenno di sorriso per sentirmi viva,

un desiderio di me

per sentirmi la tua metà.

Un tulipano che sorride, il nostro amore

accoglie i raggi del sole

con un abbraccio di petali delicati

che magicamente si fondono

in forma e colore

diventando quel capolavoro di relazione

che di sei anni di petali assieme

regala emozioni per la sua straordinaria unicità!

Read Full Post »

I discorsi sono processi che generano una versione della realtà ed originano dalla matrice collettiva.

È sempre molto gratificante elaborare significati condivisi e generare, nel nostro piccolo, qualcosa di straordinariamente unico!

Read Full Post »

Unicità

fioriStavo pensando che ogni uomo che c’è nel mondo è qualcosa di nuovo e di unico, qualcosa che non è mai esistito. Ognuno deve cercare di sviluppare, di far crescere, di far conoscere questa irripetibile unicità. Non bisogna rendere uguale ciò che per natura è ineguale.

Una delle cose più belle, nella vita, è scoprire il tesoro segreto e nascosto che ognuno custodisce in sè.

Inseguendo i propri desideri più profondi, i sentimenti e le passioni che ci fanno sentire veramente di essere vivi, si arriva a scoprire ciò che è prezioso dentro di sè, e a portarlo alla luce, così che tutti lo vedano risplendere…

Cosa c’è di più grande e meraviglioso della sensazione di benessere, gioia e godimento che si prova nello stare bene con gli altri essendo semplicemente sé stessi?

Gli incontri sinceri con le persone che attirano il nostro cuore rimangono per sempre nel profondo della nostra anima ricordandoci sottovoce il senso della vita: intrecciare con gli altri la propria preziosa unicità, per tessere in armonia un grandioso disegno d’amore.

Read Full Post »